Fabio Geda con gli studenti del Medi

Il liceo Medi incontra l’autore del libro Anime ScalzeIl romanzo, pubblicato da Einaudi nel 2017, parla di Ercole, un giovane ragazzo che vive una dinamica sociale e familiare complessa.

 

“Quella mattina, ricordo, nel parcheggio del centro commerciale, scendendo dal furgone, afferando il fucile dal sedile posteriore, ho guardato di sfuggita verso il bosco e mi sono accorto che il sole stava sorgendo sulla campagna come un livido.” Così si apre Anime Scalze di Fabio Geda, scrittore torinese con esperienza come educatore per i servizi sociali, che gli alunni del Liceo Medi di Villafranca (Verona) hanno incontrato il 17 gennaio 2018.

Il romanzo, pubblicato da Einaudi nel 2017, parla di Ercole, un giovane ragazzo che vive una dinamica sociale e familiare complessa. È un adolescente impulsivo, che si trova ad affrontare sfide probabilmente troppo grandi per una persona della sua età, ma che, nonostante tutto, tende sempre ad affrontare con impegno e atteggiamento positivo. Nel corso del libro, Ercole cammina metaforicamente a piedi scalzi, alla ricerca delle sue scarpe: con il supporto della sorella maggiore, Asia, matura lentamente, reggendo sulle sue spalle il peso di un padre che, come ha sostenuto l’autore, “ci prova”, e la mancanza di una madre, sparita dalla sua vita quando era ancora in tenera età.

Ciò che rende il protagonista un personaggio così reale è la penna sapiente di Geda, che lo ha descritto in maniera viva, facendolo sentire per molti versi simile e vicino ad ogni adolescente. Ama il cinema (in particolare la saga di Star Wars), ascolta musica moderna, ha la passione per il disegno, prova sentimenti contrastanti nei confronti dei genitori, è indeciso e in cambiamento costante, si innamora perdutamente.

Fabio Geda con gli studenti del Medi
Fabio Geda con gli studenti del Medi

Geda descrive i pensieri di Ercole con un linguaggio colloquiale, che risulta immediato e facilmente comprensibile al lettore, che non può fare a meno di scorrere riga per riga con gli occhi desiderosi di conoscere il susseguirsi degli eventi.

Il testo è impregnato di frasi, dubbi e domande che sembrano pensate proprio da un adolescente dei nostri giorni, il che è sorprendente. Spesso, alcuni passaggi del romanzo sono tanto d’impatto da rimanere nella testa del lettore per un po’, facendolo riflettere sul loro significato; l’incontro è stato l’’occasione per chiarirle e approfondirle.

Tra un misto di consigli ed esperienze personali più mature, Geda ha incoraggiato gli studenti a non dimenticarsi dei propri sogni e a coltivare sempre i propri talenti.

Si è parlato della figura del genitore, dell’adolescenza, dell’amore, e del tema dell’inclusione. In particolare, la battuta Geda-Jedi”, quando è stato tirato in ballo l’argomento Star Wars, ha reso il tutto ancora più leggero: è bello anche pensare a Geda come guerriero con una penna al posto della spada laser.

Anime Scalze è un libro che merita di essere letto: arricchisce chiunque, sia adulti che adolescenti, e regala molti spunti di riflessione, oltre che a fornire un quadro molto realistico delle varie storie familiari che esistono non troppo lontano da noi, muovendosi silenziose sulla stessa terra che calpestiamo ogni giorno.

Sara Belloni, Chiara Marchesini
Liceo E. Medi, Villafranca (VR)

About The Author Redazione

comments (0)

Your email address will not be published.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>