Anche in Italia si moltiplicano gli eventi dove numerosi partecipanti cercano di avvicinarsi al Korean pop, un genere musicale caratterizzato dall’ampio utilizzo di elementi coreografici.

 

Dalla fine del 2012, alcuni artisti coreani, come BTS, Twice, SHINee  ed altri, hanno riscosso sempre più successo, grazie al Kpop (케이팝), abbreviazione di Korean Pop,  un genere musicale che nasce in Corea del Sud, caratterizzato dall’ampio utilizzo di elementi coreografici, oltre che dalla parte vocale. Per questo, il formato che permette un migliore apprezzamento di questo genere è l’MV (“Music Video”), il tipico video musicale reperibile su YouTube, dove i vari artisti, dal look un po’ stravagante, possono dimostrare tutto il loro potenziale.

Twice
Twice

Inizialmente il fenomeno era circoscritto all’Asia orientale. Nonostante ciò, non sono comunque mancati dei momenti in cui questo genere ha riscosso grande successo mondiale: ricordiamo l’artista sud coreano PSY, che ha acceso una scintilla per la futura diffusione del Kpop. È seguito poi un periodo in cui il pop americano lo ha di nuovo oscurato e solo nel 2017 questo genere è riuscito a tornare alla ribalta a livello mondiale con i BTS, una boy-band che ha diffuso la “Korean Wave”, grazie al successo planetario del loro singolo “DNA”, il cui MV ha raggiunto oltre 290 milioni di visualizzazioni su YouTube. Dopo questa rinascita, BTS, EXO e altre band Kpop hanno incrementato la loro popolarità, arrivando a partecipare ad alcuni dei più prestigiosi eventi musicali, quali gli AMAs (American Music Awards) e i BBMAs (BillBoard Music Awards).

Girls Generation
Girls Generation

Nemmeno l’Italia si tira indietro nel seguire questo trend. Infatti negli ultimi anni, si sono visti fiorire eventi come il “Trofeo Asian Dance&Voice Contest”, ospitato ogni anno al Teatro da Vinci di Milano, dove numerosi partecipanti cercano di avvicinarsi al Kpop, sia nel canto che nel ballo. Al “Romics”, fiera internazionale di Roma sul fumetto e l’animazione, si è arrivati già alla terza edizione del “Kpop Dance Contest”, in cui vari gruppi, o più raramente solisti, tentano di emulare i loro beniamini. Anche “Studio Aperto”, in onda su Italia 1, ha trasmesso dei servizi sugli artisti sudcoreani più in voga del momento e sul recente approdo del genere Kpop alle Olimpiadi invernali di PyeongChang 2018.

BTS
BTS

Nel panorama della musica Kpop è apparso anche il primo artista italiano, Alex Chen, che ha contribuito a diffondere la cultura popcoreana in Italia. Alex si impegna per conciliare la scuola con questa sua passione che è diventata un lavoro per lui e per gli altri 4 ragazzi che lo affiancano nei F.E.E.L, dovendo rimanere al passo col livello e le difficoltà del Kpop coreano che sono in continuo aumento. «Sono stato recentemente a un concerto Kpop in Francia – racconta Alex –. Il pubblico veniva dall’Africa, dall’Asia, dagli Stati Uniti». Questo a riprova che, ormai il Kpop ci sta condizionando sempre più.

Lorenzo Barbuscio
Liceo E. Medi, Villafranca (VR)

 

About The Author Redazione

comments (0)